Motor Power Constant & KERS su Firmware Custom

di | Febbraio 8, 2020

Motor Power Constant & KERS su Firmware Custom sono due elementi che sono sempre legati quando si parla appunto di firmware customizzati per aumentare potenza o velocità dei nostri Xiaomi M365, M365 PRO , Ninebot ES2 e Ninebot MAX G30.

Ritieni interessante questo articolo? Metti mi piace alla nostra pagina Facebook o condividila!

Parlando in termini prettamente teorici la Motor Power Constant rappresenta la capacità del motore di convertire la potenza elettrica in potenza meccanica. La costante del motore è data da :

  • m = costante del motore (Nm / √ Watt)
  • T = coppia (Nm)
  • P = perdite di potenza resistive (noto anche come perdite I 2 R) (W)

Tornando ad elementi più pratici è la classica voce che trovate nelle pagine di personalizzazione dei firmware (vi lascerò i link a fine articolo) e viene visualizzata così:

La Motor Power costant è un valore che aumenta la potenza erogata in modo inversamente proporzionale al numero impostato, ovvero tanto è più basso tale numero tanto più alta sarà la potenza.

Ecco qui un esempio dei Watt di esercizio di uno Xiaomi M365 in base alla motor power constant:

Pro e Contro della modifica della Motor Power Constant

PRO

Modificare questo parametro equivale prettamente ad incrementare la coppia del motore, quindi accelerazione e capacità in salita. Non tutti abitano in pianura, e con i monopattini stock talvolta risalire le salite più ripide può diventare difficoltoso. Una minor Motor Power Constant fornisce quindi una maggior coppia in salita permettendo inoltre di districarsi da incroci o da situazioni che necessitano di una partenza abbastanza rapida. Ricapitolando è un parametro la cui modifica può risultare molto utile!

In termini di velocità l’incremento è minimo, ovvero sugli 1-2 Km/h. Sia Ninebot che M365 hanno una integrazione nel BMS che limita la velocità massima in base alla tensione e inserirà il freno elettronico una volta raggiunta tale velocità. Non è possibile modificare questa funzione con il firmware custom. Sull’M365 quella velocità è di circa 33-35 Km/h a 43v e scende a 29-31 Km/h dopo circa il 10% di consumo della batteria a 36-37v. In sintesi, la costante del motore influirà sulla velocità massima che si è in grado di raggiungere in una certa misura, ma una Motor Power Constant esageratamente bassa non darà ulteriore benefici a causa del BMS integrato. La velocità di picco è quindi un parametro più legato al voltaggio di lavoro che alla potenza.

Contro

Lavorare con motor power constant basse riduce l’autonomia della batteria e fa ovviamente lavorare di più il motore. Un motore e una batteria fatte lavorare continuamente a motor power constant basse avranno sicuramente meno vita rispetto ai parametri stock. E’ per questo che consiglio di non esagerare con valori bassissimi ma usare il tutto con criterio in base ad i percorsi che si effettuano e soprattutto in base al peso del pilota. Una persona leggera potrà permettersi costanti più basse rispetto ad una persona di 90-100 Kg e più. Una persona che percorre salite di chilometri non potrà esagerare come una persona che invece percorre una sola salita breve ma molto ripida. Consiglio di monitorare la temperatura dell’hardware visto che per forza di cose la modifica andrà ad aumentare la temperatura di esercizio in quantità maggiore tanto minore sarà la power motor constant.

I consigli di MonopattinoItalia.it: la pressione delle gomme nel contesto del monopattino elettrico è un parametro che viene quasi sempre trascurato quando in realtà dovrebbe essere tra i primi posti. Xiaomi M365 / M365PRO / Ninebot MAX lavorano con pneumatici ad alte pressioni, tra i 3.5 e i 4 BAR e più a seconda del peso del guidatore per Xiaomi(io peso 90 Kg e uso 4 BAR) e 3 BAR e oltre su Ninebot. Una corretta pressione permette di raggiungere la velocità massima e di aumentare l’autonomia del veicolo, riduce drasticamente il rischio di forature e il monopattino sforzerà di meno. Il mio monopattino è uscito dalla confezione con una pressione di 1.8 bar, meno della metà della pressione corretta! Per quanto riguarda il controllo della pressione ho provato vari prodotti ma un prodotto davvero efficace è questo compressore portatile per monopattino elettrico, versatile per gonfiare l’auto, moto e molti altri prodotti. Preciso, solido, durevole e con display digitale (clicca sull’immagine per accedere al prodotto):

Motor Power Constant su Xiaomi M365 – M365 PRO- Ninebot ES 2/4 e Ninebot MAX G30

Xiaomi M365

Lo Xiaomi M365 tollera Motor Power Constant anche relativamente basse. La base del firmware stock è di 51575, firmware modificati come il RollerPlausch e il Botox, nonchè soprattutto il CFW Weak girano a costanti prossime ai 28-29000. Scendere al di sotto risulta essere molto rischioso perchè come visto dalla tabella precedente si arriva a lavorare a quasi 1000W! Il mio consiglio è di non scendere sotto i 30000, se sei una persona pesante anche 35000.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è constant.jpg

Xiaomi M365 PRO

Lo Xiaomi M365 PRO ha meno tolleranza a motor power constant basse rispetto il fratello minore, in quanto lavora di base ad amperaggi maggiori. Qualche utente si è spinto a costanti di 35000 / 40000, io che sono 90 Kg ho scelto 45000, la differenza si sente e non rischio di danneggiare il motore o di surriscaldarlo!

Ninebot ES2 / ES4

Non ho particolari esperienze in merito a Ninebot ES2 / ES4, ma consultando molti forum e gruppi anche esteri svariati utenti si sono spinti a valori di 38000 / 40000, io per sicurezza starei sopra i 40000. Cercherò comunque di raccogliere altre info ed esperienze a riguardo.

Ninebot MAX G30

Riguardo la Motor Power Constant del Ninebot MAX G30 il noto modder DaddyNord ci viene incontro con questa simpatica tabella (mi riferisco alle descrizioni a sinistra):

Come potete vedere a sinistra c’è la costante utilizzata, poi una breve descrizione, l’entità di rischio per l’elettronica e i Watt erogati. Direi che una via di mezzo è sempre la scelta giusta! Il DaddyNord 2.0 utilizza una Motor Power constant di 30000 e un Kers disattivato, alcuni utenti lo stanno usando e segnalano una accelerazione veramente tosta nonchè una gran capacità di “scalare” pendenze importanti. Il freno risulterà però molto aggressivo. In decelerazione non ci sarà frenata automatica, il monopattino sarà quindi “libero”.

Un fattore essenziale: il KERS

Cosa è il Kers? Il KERS, acronimo di Kinetic Energy Recovery System (in italiano “sistema di recupero dell’energia cinetica”) è un dispositivo elettromeccanico atto a recuperare parte dell’energia cinetica di un veicolo durante la fase di frenata e a trasformarla in energia meccanica o elettrica, nuovamente spendibile per la trazione .

Ma cosa ce ne frega a noi del KERS e perchè nei firmware è personalizzabile? Nelle normali app dei monopattini per la gestione via bluetooth il recupero di energia è spesso personalizzabile su 2 o 3 livelli, lieve medio e alto.

Il KERS agisce in due fasi, quando si rilascia l’accelleratore e quando si frena. Il primo è disattivabile e il secondo no. Il primo va appunto a recuperare energia quando si molla l’accelleratore, il secondo va ad integrare la frenata del freno principale (ad esempio su Xiaomi va a frenare in modo elettronico all’anteriore quando si aziona il freno a disco al posteriore).

Il KERS è sempre personalizzabile nei firmware custom con la voce che vedete nell’immagine sotto, ed è possibile selezionare a che velocità in fase di decelerazione entra in funzione:

Il KERS è inversamente proporzionale e vincolato alla motor power constant impostata, ovvero a costanti basse la frenata sarà brusca e lo stesso vale per quando si molla l’acceleratore. Ci sono due modi per gestire il KERS quando si va a modificare la motor power constant:

  • a motor power constant non ridotte brutalmente si può impostare il KERS sul livello minimo, quando mollerete l’acceleratore ci sarà un calo di velocità un po’ brusco e lo stesso vale per la frenata che si presenterà un po’ aggressiva.
  • a motor power constant basse si può impostare il KERS su una velocità di 40 km/h, in questo modo sarà disattivato in fase di semplice decellerazione e sarà attivo solo in frenata. Badate bene che le frenate saranno molto toste!

Kers e sicurezza

Il KERS è un elemento che non solo recupera energia in frenata e decelerazione ma che protegge anche i circuiti dai cosiddetti “over voltage” anche se moltissimi utenti lo tengono disattivato senza problemi.

Il KERS ha però un lato negativo, ovvero che in frenata agisce sempre. E cosa succede in frenata quando lo si usa con Motor Power constant molto basse? Semplice, recupera energia in modo inversamente proporzionale alla motor power constant e purtroppo, in caso di frenate prolungate rischia di cucinare i mosfet dei circuiti del vostro monopattino. Il tutto è più rischioso se si sta affrontando una frenata molto lunga (ad esempio una lunga discesa) con batteria con carica prossima al 100%! Con questo non voglio dire che il danno è garantito, ma comunque il rischio c’è!

Ritieni interessante questo articolo? Metti mi piace alla nostra pagina Facebook o condividila!

Ora vi lascio ai link per personalizzare i vostri firmware:

E qui come installarli:

Vi ricordo che come sempre Monopattinoitalia.it non è responsabile di eventuali danni recati ai vostri monopattini! Alla prossima!